BASSMA LEHLALI

Vedi tutti i suoi post
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

R: L' estate del coniglio nero - Kevin Brooks

“Ogni volta che inspiravo sentivo un raschio in gola che non mi piaceva per niente. Anche la testa mi faceva male e negli occhi avevo piccoli lampi, come minuscole stelle bianche. Non stavo poi malissimo. Non fisicamente. Mentalmente ero a pezzi.”

La vicenda si svolge in estate e vede partecipe Pete, un sedicenne che viene ricontattato tramite una telefonata dalla sua migliore amica ed ex ragazza Nicole, la quale lo invita a vedersi un’ultima volta in una sera con gli amici nel loro solito covo prima di trasferirsi a Parigi.
In particolare, tra gli amici invitati, c’è anche Raymond, principalmente amico di Pete, considerato da tutti un emarginato, tanto da essere definito “Ray lo schizzinato”.
Durante la serata però il gruppo si divide a causa dell’assenza di interessi comuni e Pete e Raymond, non esattamente lucidi, si ritrovano a cercare Nicole in un lunapark e finiscono nella tenda di una cartomante. Quest’ultima, predicendo il futuro a Raymond, sconvolge i due amici i quali, stravolti, si separano.
Raymond viene avvicinato da Stella Ross, una sorta di celebrità locale, ed entrambi scompaiono quella stessa notte.
Tutti sospettano che sia Raymond il colpevole, soprattutto in seguito alla morte di Stella, ad eccezione però di Pete, il quale vuole provare la sua innocenza. Questo schieramento da parte dell’amico porta però a creare una sorta di tensioni nel vecchio gruppo di amici.
Inizia quindi un’indagine da parte della polizia, di cui inoltre fa parte anche il padre di Pete, per trovare il colpevole dell’omicidio.
Ho trovato il libro unico, coinvolgente ed entuasiasmante: un libro da leggere assolutamente.
La narrazione è scorrevole ma allo stesso tempo intensa ed interessante. Personalmente mi sono sentita coinvolta durante tutta la narrazione degli eventi e reputo la trama avvincente.
Consiglio infine la lettura agli amanti del thriller.

Lehlali Bassma, 3ASC Liceo Scientifico Niccolò Copernico
“Leggere On The Road” – Progetto PCTO con la Biblioteca Ragazzi Giugno 2021

Khalat - Giulia Pex

“Ma non era la casa, non erano le tende e forse nemmeno le bombe. Più di tutto era l’attesa. Vivere in un tempo fermo ma perdere ugualmente giorni, mesi e anni.”

La protagonista dell’opera, Khalat, è una ragazza curda che vive in Siria e che, per colpa delle sue origini, è repressa ed emarginata. La vicenda racconta della sua fuga dalla Siria alla Germania assieme alla famiglia e delle conseguenze a cui ha portato il viaggio. Un coinvolgente racconto da cui si può dedurre il tipo di società, in cui le donne sono costrette a sposarsi giovanissime per poter usufruire della protezione dei propri mariti. Una società in cui si ha paura di uscire per poi essere arrestati a causa delle proprie origini e in cui, a causa degli uomini, una donna non può lavorare. La fuga della protagonista porta alla separazione di una famiglia, alla rinascita, ad una nuova vita, un nuovo inizio e allo stesso tempo al ricordo dei sogni e desideri passati ormai andati persi. Un racconto a dir poco affascinante di un presente tormentato da conflitti politici e religiosi, accompagnato da disegni spettacolari che lasciano a bocca aperta e che fanno immedesimare nel personaggio a tal punto da sentire l’ansia e la frustrazione di Khalat in persona. Ho adorato questo libro perché mi ha fatto riflettere in quanto intende trasmettere una storia che magari può sembrare dell’altro mondo ma che porta il lettore a rendersi conto dei beni che si possiede. Proprio per questo motivo consiglio la lettura sia ai ragazzi che agli adulti in quanto viene trattato un argomento attuale e importante.
Lehlali Bassma, 3ASC Liceo Scientifico Niccolò Copernico
“Leggere On The Road” – Progetto PCTO con la Biblioteca Ragazzi Giugno 2021

R: La voce delle ombre - Frances Hardinge

“Ustioni da polvere, nient’altro. Danno da nulla. Uno di loro ha avuto fortuna...per poco”. La storia che vede protagonista Makepeace in una piccola comunità inglese credente, tocca argomenti riguardanti la guerra civile inglese, in quanto ambientata nel ‘600, la morte e la sopravvivenza. In un’atmosfera tetra e misteriosa, Makepeace, sveglia e acuta, scopre di avere un potere, che la accompagnerà fino alla fine del libro. Dal momento che un giorno si imbatte nella morte di un orso, lo spirito di quest’ultimo, si ritrova ad essere assorbito dal corpo della protagonista, la quale inizia a sentire la presenza dell’animale dentro di sé. In seguito, rimanendo orfana anche dalla madre, per una seria di motivi, viene mandata in un ostello dove inizia ad indagare sul proprio passato assieme a degli amici.

Il romanzo, essendo scorrevole ma allo stesso tempo non banale, grazie alla trama avvincente, porta il lettore a finire presto il libro. A parer mio, grazie agli intrighi ed i concetti ripresi, la lettura è stata molto interessante. Un libro molto avvincente di cui consiglio la lettura agli appassionati di fantasy.

Lehlali Bassma, 3ASC Liceo Scientifico Niccolò Copernico
“Leggere On The Road” – Progetto PCTO con la Biblioteca Ragazzi Giugno 2021

Il bambino argento - Kristina Ohlsson

"Aladdin si sedette alla sua scrivania. Doveva fare i compiti. Ma gli prudeva dappertutto, tanto era impaziente. Non vedeva l’ora che i clienti se ne fossero andati, così i suoi avrebbero chiuso il ristorante e finalmente avrebbero scoperto chi veniva a prendere il cibo”. Così tanto impaziente e ansioso è il protagonista del romanzo Aladdin che cerca in tutti i modi di trovare chi si intrufola ogni notte nel ristorante di famiglia. Aladdin, e i suoi genitori, cercano infatti da settimane il ladro che si addentra nel Turken e ruba ingenti quantità di cibo, causando così un grande problema economico ai suoi. Per quanto la polizia sia già stata avvertita, gli unici che si interessano del caso sono Aladdin e le sue due amiche, Billie e Simona, le quali inizialmente si insospettiscono del lavapiatti Mats, in quanto l’unico ad avere le chiavi del ristorante. I tre amici iniziano quindi ad indagare sui continui furti, spinti principalmente dalle visioni di Aladdin di un bambino che appare e scompare dalla sua vista. A ciò si aggiunge il caso di un mistero che riguarda dell’argento rubato cent’anni prima dalla chiesa a cui il protagonista deve lavorare per una ricerca scolastica e nel quale entra ancora il gioco il bambino che viene avvistato da Aladdin. Il romanzo si conclude con la risoluzione delle indagini sui due diversi casi e sul ritorno alla normalità della vita del protagonista.
Il libro è stato scritto con una trama semplice, così come lo stile, e ciò ha portato ad una lettura più fluida del romanzo. Ho pertanto trovato il libro molto interessante in quanto è riuscito a farmi coinvolgere alla storia e il finale è stato alquanto sorprendente. Ho apprezzato anche il fatto che venissero trattati temi riguardanti l’immigrazione, per quanto riguarda il barcone siriano ad Ahus, città in cui si è svolta la storia, e allo stesso modo di integrazione. Essenziale è stato anche lo sviluppo morale del protagonista a fine del libro. Consiglio la lettura a chi ama il giallo.

Lehlali Bassma, 3ASC Liceo Scientifico Niccolò Copernico
“Leggere On The Road” – Progetto PCTO con la Biblioteca Ragazzi Giugno 2021

Vedi tutti

Ultimi post inseriti nel Forum

Nessun post ancora inserito nel Forum

I miei scaffali

Le mie ricerche salvate

Non vi sono ricerche pubbliche salvate