Community » Forum » Recensioni

Spettri
0 1 0
Ibsen, Henrik <1828-1906>

Spettri ; Un nemico del popolo ; L'anitra selvatica ; Rosmersholm

Milano : Garzanti, 2022

Abstract: I drammi qui raccolti, scritti tra il 1881 e il 1886, sono emblematici del tardo Ibsen e della sua cupa visione della società borghese come sistema repressivo che non concede agli individui alcuno spazio di libertà e gioia costringendoli a vivere nella perenne scissione tra ricerca di autenticità e menzogna delle convenzioni. Questa desolata tragicità scandisce l'amara parabola di Spettri, dove l'eredità del passato con i suoi fantasmi soffoca ogni possibilità di vita vera; l'apologo contro la tirannide della maggioranza del Nemico del popolo; la denuncia del fanatismo della verità che conduce alla rovina nell'Anitra selvatica; il peso schiacciante della tradizione e della morte in Rosmersholm. Poeta del disagio della civiltà, il grande drammaturgo norvegese delinea in questi testi l'utopia di un'umanità conciliata per la quale il valore consiste nel realizzare liberamente il proprio destino contro ogni forma di ipocrisia e viltà e l'unico vero peccato è il tradimento della propria vocazione. Introduzione di Claudio Magris.

306 Visite, 1 Messaggi

Un tema che mi ha fatto molto riflettere è l’affermazione: “Ma la maggioranza democratica, è una affermazione della verità di per se stessa? Sì o no? La verità è una affermazione democraticamente maggioritaria? Penso che un conto è la verità e un conto è la maggioranza democratica e che queste non sempre coincidono e questo dramma ce lo racconta molto bene, come molto vera è l’affermazione: “L’uomo più forte del mondo è anche quello più solo”, basta guardare la storia dell’umanità a cominciare da Gesù Cristo che era il Dio in terra, ma finì sulla croce e lasciato solo dai suoi fedelissimi Apostoli.

  • «
  • 1
  • »

1462 Messaggi in 1296 Discussioni di 200 utenti

Attualmente online: Ci sono 4 utenti online