Community » Forum » Recensioni

Dark web
0 1 0
Magnoli, Sara

Dark web

Milano : Pelledoca, 2020

Abstract: Vesna è un nome falso. Il nome scelto da Eva, 14 anni, per diventare una influencer da milioni di like. Doom Lad è il nickname di lui: significa ragazzo del destino. Ma lui non è ciò che dice di essere e il web è una ragnatela in cui cadono le ragazzine. Le loro immagini rubate viaggiano nel buio della rete. Giovanniboccaccio è il nome d'arte di un ispettore infiltrato nel dark web che cerca di salvare minorenni intrappolate nella ragnatela. Eva non sospetta nulla di quello che c'è dietro i messaggi, le chat e le immagini che scambia con Doom Lad. Prima le foto, poi i video e infine un appuntamento in hotel. E lì si ritrova sola quasi sul baratro. Eva parla con un unico amico, compagno di scuola perseguitato dai bulli. Lui le vuole bene e vorrebbe proteggerla, ma è confuso e forse anche un po' ingenuo. Intanto l'ispettore serra sempre di più le maglie intorno al giro losco della rete.

89 Visite, 1 Messaggi
GAIA COBELLI
3 posts

Dark Web racconta di una ragazzina caduta vittima delle manipolazioni di uno sconosciuto incontrato online e delle azioni svolte da chi, invece, tenta di salvare i ragazzini come lei, che ignorano e o fingono di non conoscere i pericoli del web, in particolare dei social.
La protagonista del libro, Eva, rifugge la realtà a lei circostante e si rifugia all'interno dei social, per guardare a questi come un futuro a portata di mano a cui aspirare. Questa sua concezione ingenua dei social viene resa ancora più evidente nel momento in cui conosce, e si fida ciecamente, di un ragazzo conosciuto su internet che le promette di realizzare tutti i suoi desideri. Ho trovato che questa dinamica di incontro tra la protagonista l'antagonista fosse forzata, soprattutto per la rapidità con cui lei si è lanciata in questa dannosa relazione. Mi sarebbe piaciuto vedere meglio il modo in cui si sviluppava ed evolveva il rapporto tra i due, mentre trovo che non si sia dato sufficiente spazio a questo aspetto, sebbene sia una delle parti più consistenti del romanzo.
Ho trovato forzato anche il perseverare della protagonista nel fidarsi del personaggio che l'aveva raggirata. Questa fiducia, oltre a non essere realistica (secondo me), non ha ragion d'essere nemmeno dal punto di vista narrativo e non si addice al rapporto scheletrico tra i due personaggi.
Ad essermi piaciuti particolarmente sono stati i capitoli in cui si raccontava del poliziotto incaricato di infiltrarsi all'interno del Dark Web, nei quali si spiegava come agiscono i personaggi che vanno ad utilizzare le foto e i video condivisi su internet per scopi malvagi. Ho trovato che il modo semplice e diretto con cui si sono raccontati questi fenomeni sia stato molto suggestivo, e mi ha inquietato molto.
Gli altri personaggi, quelli che si rapportano con Eva nel mondo reale, li ho trovati piuttosto piatti e poco caratterizzati nel romanzo, ma si tratta di un difetto su cui si può soprassedere: la loro funzione è soprattutto quella di fare da contorno alla vicenda.
Per quanto riguarda la trama, non mi è piaciuto il fato che si sia tentato di dare una connotazione da romanzo giallo, mi è sembrato che si togliesse tempo inutile allo sviluppo dei personaggi e il fatto che si tratti di una lettura molto breve rende ancora più ampio lo spazio sottratto a quello che avrebbe dovuto essere il fulcro della storia.
Nel complesso si tratta di una lettura per ragazzi che può essere letta sia da lettori deboli che da lettori forti, ma che non approfondisce troppo l'argomento e dà solo un'infarinatura su un argomento che sarebbe da approfondire in seguito.

Gaia Cobelli, 4asu, Liceo c. Montanari
"leggere on the road"- progetto PCTO con la Biblioteca civica Ragazzi, settembre 2021

  • «
  • 1
  • »

1275 Messaggi in 1143 Discussioni di 170 utenti

Attualmente online: Non c'è nessuno online.