Community » Forum » Recensioni

Oliver Twist
0 1 0
Dickens, Charles <1812-1870>

Oliver Twist

Novara : De Agostini, 2019

Abstract: Sullo sfondo di una Londra ottocentesca, Oliver cresce in grande povertà in un orfanotrofio. Grazie a una serie dì coincidenze, fortunate e non, il ragazzo scopre la verità sulla sua famiglia, Forse è arrivato per lui il momento di sperare in una svolta felice della sua vita...

89 Visite, 1 Messaggi
GAIA COBELLI
3 posts

Il libro comincia con un breve racconto della nascita di Oliver Twist, il protagonista, per poi raccontare nell'arco di pochi capitoli le sofferenze che lui e gli altri bambini dell'orfanotrofio in cui vive sono costretti a sopportare a causa della crudeltà e delle mancanze di cure degli adulti che lavorano all'orfanotrofio. Le punizioni a cui verrà sottoposto il protagonista fanno provare al lettore un senso di empatia nei suoi confronti e, per la mia esperienza personale, sono stati i capitoli migliori di tutto il romanzo. Successivamente si racconteranno le disavventure e gli incontri di Oliver al di fuori dell'orfanotrofio e dei pericoli cui, più volte, andrà incontro. Questa seconda parte del libro vedrà come protagonisti anche altri personaggi oltre ad Oliver; cosa che, in certi momenti, mi ha distolto da quella che doveva essere la storia principale, ovvero la storia di questa bambino, costretto a sopravvivere in un mondo di adulti che non ha alcun riguardo per i ragazzini, visti solo come un peso nella società.
La maggior parte degli adulti presenti nel romanzo (anche se non tutti), spesso vanno ad approfittarsi dei bambini, trattandoli più come strumenti da cui trarre vantaggio, piuttosto che esseri umani aventi una propria volontà, cosa purtroppo tipica del tempo.
Uno dei meriti di Dickens è, infatti, quello di aver rappresentato fedelmente la società del suo tempo e mostrato un punto di vista nuovo, non più incentrato sull'imprenditore già inserito con successo nella società, ma piuttosto quello di bambini in condizioni di povertà estrema che cercano ogni espediente con cui sopravvivere.
Un aspetto poco realistico in Dickens, tuttavia, è il fatto che lui abbia descritto personaggi o completamente buoni o interamente malvagi, almeno per quanto riguarda gli adulti che circondano il protagonista, quando nella vita reale le motivazioni dietro le azioni altrui sono molto più complesse.
In sintesi, si tratta di una lettura importante su cui si possono fare diverse riflessioni. Per questo motivo, la consiglio soprattutto ai lettori forti.

  • «
  • 1
  • »

1275 Messaggi in 1143 Discussioni di 170 utenti

Attualmente online: Non c'è nessuno online.