Community » Forum » Recensioni

Il bambino argento
0 1 0
Ohlsson, Kristina <1979- >

Il bambino argento

Milano : Salani, 2017

Abstract: Un misterioso ragazzo in pantaloncini corti si aggira sulla distesa di neve. Quando Alladin, il protagonista del romanzo, cerca di parlargli, lui scappa veloce senza dire una parola. E la cosa più incredibile, ma anche paurosa, è che non lascia una traccia dietro a sé sulla neve, come se volasse, o se non fosse corporeo... Chi è? Come fa? È uno dei migranti ospitati al porto? Oppure è il fantasma del ragazzo d'argento scomparso cento anni prima dal villaggio in seguito a un colossale furto? Aladdin, insieme al suo amico Billie e a Simona, decide di risolvere il caso.

563 Visite, 1 Messaggi

"Aladdin si sedette alla sua scrivania. Doveva fare i compiti. Ma gli prudeva dappertutto, tanto era impaziente. Non vedeva l’ora che i clienti se ne fossero andati, così i suoi avrebbero chiuso il ristorante e finalmente avrebbero scoperto chi veniva a prendere il cibo”. Così tanto impaziente e ansioso è il protagonista del romanzo Aladdin che cerca in tutti i modi di trovare chi si intrufola ogni notte nel ristorante di famiglia. Aladdin, e i suoi genitori, cercano infatti da settimane il ladro che si addentra nel Turken e ruba ingenti quantità di cibo, causando così un grande problema economico ai suoi. Per quanto la polizia sia già stata avvertita, gli unici che si interessano del caso sono Aladdin e le sue due amiche, Billie e Simona, le quali inizialmente si insospettiscono del lavapiatti Mats, in quanto l’unico ad avere le chiavi del ristorante. I tre amici iniziano quindi ad indagare sui continui furti, spinti principalmente dalle visioni di Aladdin di un bambino che appare e scompare dalla sua vista. A ciò si aggiunge il caso di un mistero che riguarda dell’argento rubato cent’anni prima dalla chiesa a cui il protagonista deve lavorare per una ricerca scolastica e nel quale entra ancora il gioco il bambino che viene avvistato da Aladdin. Il romanzo si conclude con la risoluzione delle indagini sui due diversi casi e sul ritorno alla normalità della vita del protagonista.
Il libro è stato scritto con una trama semplice, così come lo stile, e ciò ha portato ad una lettura più fluida del romanzo. Ho pertanto trovato il libro molto interessante in quanto è riuscito a farmi coinvolgere alla storia e il finale è stato alquanto sorprendente. Ho apprezzato anche il fatto che venissero trattati temi riguardanti l’immigrazione, per quanto riguarda il barcone siriano ad Ahus, città in cui si è svolta la storia, e allo stesso modo di integrazione. Essenziale è stato anche lo sviluppo morale del protagonista a fine del libro. Consiglio la lettura a chi ama il giallo.

Lehlali Bassma, 3ASC Liceo Scientifico Niccolò Copernico
“Leggere On The Road” – Progetto PCTO con la Biblioteca Ragazzi Giugno 2021

  • «
  • 1
  • »

1312 Messaggi in 1180 Discussioni di 178 utenti

Attualmente online: Ci sono 3 utenti online