Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

Spare - prince Harry

Ho appena terminato di leggerlo e ne sono rimasta profondamente colpita.

Harry racconta la storia della sua vita con tante sfaccettature diverse: bambino come tanti che improvvisamente viene catapultato nel peggiore dei suoi incubi: perdere improvvisamente la mamma; da qui il ragazzo ribelle che ingerisce e beve di tutto col fine di placare il suo dolore; il soldato ad altissimi livelli, in grado di operare in prima linea come nelle retrovie in missioni di guerra pericolose; viaggiatore sensibile e avventuroso in luoghi sperduti e desolati (Africa e Polo Sud e Nord ).

La sua fatica e sofferenza per elaborare un lutto che lo porterà in terapia a 30 anni e a piangere finalmente quelle lacrime che sarebbero dovute scendere nel 1997.

Forse il suo percorso sarebbe potuto essere diverso e più sereno se qualcuno avesse pensato a dargli quell’aiuto psicologico di cui aveva bisogno allora.

Ma non era un bambino …. comune.

La narrazione ci offre uno spaccato della vita in una famiglia monarchica, una vita per alcuni aspetti dorata ma che si traduce anche in un inferno quotidiano.

Traspare tutta la sua sensibilità e dolcezza.

Consiglio la lettura

La stirpe di Maria Maddalena - Kathleen McGowan

Scrittrice e ricercatrice approfondita. Con questo volume si conclude la trilogia composta dal primo volume : Il Vangelo di María Maddalena, e il secondo: Il libro dell’Amore.
Peccato non poter leggere La promessa e l’Eresia di Anna Bolsena, purtroppo fuori catalogo.

Il capitalismo della sorveglianza - Shoshana Zuboff

Un libro da leggere assolutamente. Può risultare pesante in alcune parti essendo un saggio completo e particolareggiato, ma è di certo un'opera dalla quale non si può prescindere se si vuole comprendere quali sono i futuri sviluppi della società contemporanea e della vita di ognuno di noi. Non è per niente un libro che vuole trovare elementi complottisti, ma semmai è molto realistico nello descrivere le molteplici azioni che stanno dietro all'utilizzo innocuo che si fa dei social e di internet in generale. Infatti, al di là dell'uso dei nostri dati personali, di una nuova concezione del lavoro, dell'economia in ottica globale, ritengo importante cercare di capire quanto è infido e pericoloso questo tipo di sistema capillare, e quanto scava e si radica dentro ognuno di noi. In passato pensavo che internet non fosse un male di per sè, che dipendeva tutto dall'uso più o meno saggio e intelligente di ciascuno utente, col tempo ho cambiato decisamente idea, siamo solo schiavi. Sta a noi cercare di fermare questo potere così pervasivo.

Walden - Henry David Thoreau

«Quando scrissi le pagine che seguono – o meglio la maggior parte di esse – vivevo da solo, nei boschi, a un migliaio di distanza dal più prossimo vicino, in una casa che m'ero costruito da me sulle rive del lago Walden, a Concord, Massachussetts; mi guadagnavo da vivere con il solo lavoro delle mie mani... Andai nei boschi perché desideravo vivere con saggezza, affrontando solo i fatti essenziali della vita, per vedere se non fossi riuscito a imparare quanto essa aveva da insegnarmi e per non dover scoprire in punto di morte di non aver vissuto». Walden è un pezzo di scrittura fenomenale che ha il potere di alterare completamente il tuo modo di pensare e il modo in cui vedi il mondo. È un libro su un uomo che ne ha abbastanza della società e di tutte le sue trappole; è un libro su un uomo che capisce che la vita moderna è inautentica e falsa. E per ritrovare un po' di autenticità, va a vivere da solo nel bosco.
Il secondo saggio Disobbedienza Civile è un’importante testimonianza di quello spirito libero e individualista che è stato Thoreau, anticipatore di quello che molto tempo dopo, grandi personaggi come Gandhi o Martin Luther King portarono alle estreme conseguenze. L’affermazione che "è giusto non rispettare le leggi quando queste offendono la dignità e la coscienza dell’uomo" ha una portata molto forte anche ai giorni nostri. Quando afferma che le punizioni, come la prigione, colpiscono solo il corpo dell’uomo, perché tale viene considerato il cittadino dallo Stato, ma non colpiscono la sua mente, la sua libertà di pensiero e di coscienza, attesta una verità importante. Che la libertà di pensiero è inoppugnabile.

L'ultima leonessa - Costanza Afan De Rivera

Consiglio la lettura per chi ha letto i Leoni di Sicilia e L’inverno dei Leoni.
L’ultima Leonessa e’ Giulia Florio e attraverso la figlia Costanza ne riviviamo la vita, fino ad arrivare alla fine del 900.
L’autrice, Costanza, e’ riuscita a scrivere questo libro in onore della madre, mentre era già malata, essendo deceduta a settembre 2020

La presidente - Alicia Giménez-Bartlett

Dopo Petra Delicado, due nuove ispettrici, sorelle, Berta e Marta a cui viene assegnato un caso particolare.
Avendo letto tutti i libri con protagonista Petra, leggere questo libro è’ stata una piacevole rivelazione.
Alicia e’ sempre molto brava a mantenere alta l’attenzione del lettore, tratteggiando in maniera precisa il carattere di ogni protagonista. Inoltre aver ritrovato Valencia, Alicante e Madrid, mi hanno riportato ad un periodo molto felice della mia vita.
Consiglio agli appassionati del genere

Dieci secoli di medioevo - Renato Bordone, Giuseppe Sergi

Libro fantastico. Fornisce al lettore, con precisione e dovizia di informazioni, gli strumenti per capire la struttura del millennio Medievale ed affronta tutti i campi storiografici necessari per comprendere le dinamiche sociali, economiche e politiche del periodo storico. Consigliato a chi è appassionato di storia medievale e vuole entrare nel vivo dell'argomento.

Rex mundi - Maria Firpo

Ragion di stato. Con questa frase si potrebbe tranquillamente descrivere la condanna che portò al rogo duecento Catari nella Verona dell'Alto Medioevo, governata prima da Mastino I della Scala e poi dal fratello Alberto dopo la sua uccisione. Romanzo ricco di particolari storici che fanno da sfondo alla trama dei molti personaggi presenti, creando una dimensione temporale che si avverte vicina a noi. Ne consiglio vivamente la lettura.

Harry Potter e la pietra filosofale - Joanne K. Rowling

“Harry Potter e la Pietra Filosofale” di Rowling J.K.
Premetto che (forse pregiudizialmente) di non amare assolutamente i libri fantasy e neppure le loro traduzioni cinematografiche, mi viene l’orticaria solo a vedere alcuni fotogrammi. Leggendo questo romanzo, ho dovuto però ricredermi, almeno parzialmente. Ho trovato questa opera veramente formidabile dal punto di vista dei contenuti e valori educativi, non è la solita favoletta fine se stessa, gli spunti di riflessione sono tanti ed importanti e sono fruibili da tutti e per tutti, ragazzi ed adulti compresi. La prosa e il linguaggio usato è assolutamente agevole, anche perché pensato più per i ragazzi. Numerosissimi i personaggi e i contesti, ma sono tutti spiccatamente e caratterialmente singolari e quindi facilmente memorizzabili. Uno dei temi iniziali, che ho trovato anche molto natalizio, è la storia di Harry Potter in fasce che perde entrambi i genitori, in seguito affidato ad una famiglia di parenti molto egoista. In questo affidamento forzato vedo un Bambino Gesù, nato sì in una amorevole famiglia, ma nato anche in un mondo pieno di egoismi che lo porteranno poi alla croce. Gesù come Harry Potter hanno metaforicamente usato molto la bacchetta magica, non per fare magie, ma per riportare ciò che già in natura è attingibile: la Verità, La Giustizia, la Libertà e più importante di tutti l’Amore, che sono o sarebbero alla portata di tutti e disponibili a e per tutti, certamente nell’ impegno per raggiungerli. Una frase che mi ha molto colpito e commosso è quella pronunciata verso la fine da Albus Silente verso Harry Potter: ”Essere stati amati così intensamente (riferendosi ai genitori morti di Harry) ci dà una sorta di protezione, anche quando la persona che ci ha amato non c’è più. E’ una cosa che ti resta dentro, nella pelle.” Scopriamo così che anche noi possiamo fare delle magie in questo Natale che ormai è alle porte, senza usare la bacchetta magica.
Harry Potter e la pietra filosofale (titolo originale in inglese: Harry Potter and the Philosopher's Stone) è il primo romanzo della saga high fantasy Harry Potter, scritta da J. K. Rowling e ambientata principalmente nell'immaginario Mondo magico durante gli anni novanta del XX secolo. Ideato proprio nei primi anni novanta, Harry Potter e la Pietra Filosofale fu pubblicato poi nel 1997. Tradotto in 77 lingue, tra cui il latino e il greco antico, resta una delle più popolari opere letterarie del XX secolo con una vendita globale di 120 milioni di copie. In Italia è stato pubblicato da Adriano Salani nel maggio 1998, con illustrazioni di Serena Riglietti e traduzione di Marina Astrologo. Nel 2001 ne è stato tratto un adattamento cinematografico distribuito da Warner Bros. e diretto da Chris Columbus, che ha incassato più di 974 milioni di dollari al botteghino mondiale, inserendosi così al quarantasettesimo posto nella classifica dei film con maggiori incassi nella storia del cinema.