[Illustrazione: Joe Sacco, Reportages, Milano: Mondadori, 2012]

 

Il primo, forse, è stato Frans Masereel, pittore e illustratore belga nato nel 1889, che negli anni immediatamente seguenti la prima guerra mondiale, dal 1918 al 1925, realizza cinque "romanzi per immagini" o "romanzi senza parole" utilizzando la tecnica xilografica e uno stile figurativo espressionista. Masereel nel 1915 si trasferisce a Ginevra, nella neutrale Svizzera, dove conosce alcuni esponenti del movimento pacifista e antimilitarista – tra i quali Romain Rolland, Stefan Zweig, Henri Barbusse – con cui stringe amicizie fraterne che durano per tutta la vita.
A Ginevra Masereel lavora come traduttore volontario presso l’Agenzia per i prigionieri di guerra del Comitato internazionale della Croce Rossa. Qui entra in contatto con l'angoscia e il lutto dei soldati e dei loro famigliari: da questa esperienza da un lato esce rafforzata la sua convinzione pacifista, dall'altro nasce una serie di incisioni che vengono pubblicate su quotidiani e riviste militanti, come "La Feuille" o "Les Tablettes", in cui Masereel usa accostamenti ironicamente contraddittori per demistificare la retorica bellicista.

Dal 1918, a partire dai temi già sviluppati – della guerra, del lutto, dell'angoscia - Masereel inizia a costruire narrazioni figurative complesse che chiama "roman in beelden" (romanzi per immagini) alle quali dà la forma del libro rilegato. Il passaggio dal portfolio grafico, che raccoglie fogli slegati, al libro rilegato, più robusto ed economico, è un vero e proprio salto concettuale, che indica la volontà di rivolgersi a un pubblico quanto più vasto possibile.

La Biblioteca Civica conserva diverse opere di Frans Masereel, la maggior parte all'interno del Fondo Pariani, disponibili solo alla consultazione in sede.  

[Illustrazione: Frans Masereel, "Debout la mort. Résurrection infernale", 1917]

 Opere di Frans Masereel in Biblioteca Civica 

 

 

Oggi i temi dell'impegno civile sono moltissimi: dalle guerre alle migrazioni, dal razzismo all'eslcusione sociale. Da questo caleidoscopio di argomenti è nata un'editoria di grande qualità. Ne sono dimostrazione opere che ormai possono essere considerate "classici", come "Maus. Racconto di un sopravvissuto" di Art Spiegelman o "Persepolis" di Marjane Satrapi, e cataloghi editoriali dedicati alla graphic novel, come quello di BeccoGiallo.

 

Trovati 45 documenti.

Il gioco delle rondini
3 0 0
Libri Moderni

Abirached, Zeina

Il gioco delle rondini : morire, partire, tornare / Zeina Abirached ; traduzione di Stefano Andrea Cresti

Padova : BeccoGiallo, 2009

Cronaca estera ; 5

Abstract: Beirut, 1984. La guerra civile affligge una città di fantasmi, per le strade dissestate ci sono posti di blocco e cecchini pronti a sparare. In un grande condominio sulla linea di confine che separa Beirut Est da Beirut Ovest, Zeina e il fratello minore sono rimasti da soli. Sami e Nour, i loro genitori, sono andati a trovare la nonna, poco distante dal condominio, ma in tempo di guerra, a Beirut, è come dire dall'altra parte del mondo, e ora tardano a tornare. Piovono le prime bombe dal cielo, e i vicini affollano a poco a poco l'appartamento di Zeina, considerato il luogo più sicuro del palazzo, per stringersi attorno ai due bambini e affrontare l'ennesima notte di guerra. Nella speranza di vedere arrivare Sami e Nou. Una storia autobiografica che racconta con delicatezza e disincanto una notte di guerra in Libano trascorsa sotto le bombe.

 Mi ricordo Beirut
0 0 0
Libri Moderni

Abirached, Zeina

Mi ricordo Beirut / Zeina Abirached ; traduzione di Stefano Andrea Cresti

[Padova] : BeccoGiallo, 2010

Abstract: Le schegge delle granate esplose che il fratellino raccoglie da terra a mani nude per la sua personalissima collezione, gli improvvisi blackout di corrente che interrompono i cartoni animati sempre sul più bello, la musica diffusa in salotto a tutto volume per provare a sovrastare il frastuono della guerra. Piccoli frammenti d'infanzia, privati, ferventi, delicati, per disegnare un vivido mosaico di ricordi. Con un esercizio di stile dedicato a Georges Perec, Zeina Abirached mescola le gioie e i dolori di una Beirut che non trova pace, mostrando con ironia e disincanto come si possa crescere - come si possa diventare donna - in tempo di guerra. Il nuovo libro di memorie di Zeina Abirached, la nuova Marjane Satrapi, già autrice de Il gioco delle rondini.

 Dossier Genova G8
0 0 0
Libri Moderni

Bardi, Gloria - Gamberini, Gabriele

Dossier Genova G8 : il rapporto illustrato della Procura di Genova sui fatti della scuola Diaz / Gloria Bardi, Gabriele Gamberini

Padova : BeccoGiallo, 2008

Cronaca storica ; 10

Abstract: Un romanzo a fumetti, con i filmati originali e le registrazioni sonore, che rispecchia fedelmente la stesura della Memoria Illustrata del Procuratore della Repubblica: l'aggressione alla pattuglia di Via Battisti, la risposta della Polizia, la pianificazione dell'intervento alla scuola Diaz, l'arrivo dei poliziotti (il pestaggio del giornalista inglese), la resistenza degli occupanti della scuola, il lancio di oggetti, l'irruzione, l'arresto illegale e l'abuso d'ufficio, la responsabilità per le lesioni causate, il trasporto illegale delle molotov alla Diaz. In appendice al volume Gloria Bardi intervista Nando Dalla Chiesa; Francesco Barilli (coordinatore del sito web Reti invisibili) parla con Enrica Bartesaghi e con Lorenzo Guadagnucci, la prima madre di Sara, una della Diaz, il secondo giornalista economico del Resto del Carlino anche lui aggredito e arrestato nella scuola quella notte e autore di vari diari e ricostruzioni di quei giorni.

Il delitto Matteotti
0 0 0
Libri Moderni

Barilli, Francesco <1965- > - De Carli, Manuel

Il delitto Matteotti / Francesco Barilli, Manuel De Carli

[S.l.] : BeccoGiallo, 2018

Abstract: È il 30 maggio del 1924, quando il deputato socialista Giacomo Matteotti firma, con un discorso alla Camera, la sua condanna a morte. "Tempesta", come viene chiamato dai compagni di partito per il suo carattere battagliero, ne è consapevole, perché finito di parlare - dopo aver denunciato pubblicamente l'uso sistematico della violenza a scopo intimidatorio usata dai fascisti per vincere le elezioni e contestato la validità del voto - dice ai colleghi: «Io, il mio discorso l'ho fatto. Ora voi preparate il discorso funebre per me.» Pochi giorni dopo, il 10 giugno, viene rapito a Roma. Sono da poco passate le quattro del pomeriggio e una squadra di fascisti guidata da Amerigo Dumini lo preleva con la forza e lo carica in auto, dove viene picchiato e accoltellato fino alla morte, per poi essere seppellito nel bosco della Quartarella, a venticinque chilometri dalla Capitale.

Piazza della Loggia
0 0 0
Libri Moderni

Barilli, Francesco <1965- > - Fenoglio, Matteo

Piazza della Loggia / Francesco Barilli, Matteo Fenoglio ; [prefazione di Manlio Milani]

[Padova] : BeccoGiallo, 2018

Misteri d'Italia a fumetti ; 5

Abstract: Brescia, Piazza della Loggia, 28 maggio 1974. Durante una manifestazione antifascista esplode una bomba che provoca 8 vittime e più di 100 feriti. Il 20 giugno 2017, dopo una lunga vicenda processuale, la Cassazione condanna all’ergastolo Carlo Maria Maggi, capo di Ordine Nuovo in Veneto, e Maurizio Tramonte, la cosiddetta fonte “Tritone” dei servizi segreti, ristabilendo la verità storica e giuridica sulla strage, e più in generale sulla strategia della tensione che ha insanguinato l’Italia dal 1969 al 1974. Questo volume — che comprende e aggiorna i due precedenti lavori di inchiesta sul campo condotti dagli autori sull’argomento — ricostruisce finalmente l’intera vicenda, dal contesto storico agli sviluppi processuali, in cui sono emerse le ambigue connessioni fra la destra eversiva e gli apparati di sicurezza dello Stato.

Piazza Fontana
0 0 0
Libri Moderni

Barilli, Francesco <1965- > - Fenoglio, Matteo

Piazza Fontana / Francesco Barilli, Matteo Fenoglio

[Levada di Ponte di Piave] : BeccoGiallo, 2009

Cronaca storica ; 15

Abstract: Milano, 12 dicembre 1969. La Banca Nazionale dell'Agricoltura, al civico 4 di Piazza Fontana, è affollata per le contrattazioni del mercato agricolo che per tradizione si tengono di venerdì. Alle 16.37, nella sala principale della banca, esplode una potentissima bomba al tritolo collocata in modo da provocare il massimo numero di vittime: piazzata sotto il tavolo che si trova al centro del salone riservato ai clienti, di fronte agli sportelli. Il bilancio delle vittime è devastante: 17 morti e 88 feriti. Nei giorni successivi alla strage, solo a Milano, vengono fermate e interrogate 84 persone tra anarchici, militanti di estrema sinistra, appartenenti a formazioni di destra. Il primo a essere convocato è il ferroviere anarchico Giuseppe Pinelli, chiamato in Questura poche ore dopo l'esplosione. A interrogarlo è il commissario Calabresi, che guida l'inchiesta sulla strage che segna l'inizio della strategia della tensione e apre il sipario sui dieci anni più controversi e bui della più recente storia italiana. Quella strage, quelle trame antidemocratiche, imposero alla democrazia italiana una prova da superare: saper guardare dentro a se stessa e guarire dal suo male o accettare di conviverci e farsene consumare. Quella prova la democrazia italiana non ha saputo superarla: c'è un debito di verità e giustizia da assolvere, ma la Repubblica non è mai riuscita a saldarlo. (Dalla Prefazione di Aldo Giannuli)

Piazza Fontana
0 0 0
Libri Moderni

Barilli, Francesco <1965- > - Fenoglio, Matteo

Piazza Fontana / Francesco Barilli, Matteo Fenoglio

[Padova] : BeccoGiallo, 2018

Misteri d'Italia a fumetti ; 3

Abstract: Milano, 12 dicembre 1969. A metà pomeriggio la Banca Nazionale dell’Agricoltura in Piazza Fontana è ancora affollata per le contrattazioni del mercato agricolo e del bestiame, che per tradizione si tengono di venerdì. Alle 16 e 37, nel salone principale dell’edificio, esplode una bomba collocata per provocare il più alto numero di vittime: al piano terra, sotto il tavolo che si trova al centro della stanza, di fronte agli sportelli. Il bilancio finale è di 17 morti e decine di feriti. L’esplosione segna l’inizio della strategia della tensione e apre il sipario sui dieci anni più controversi e bui della più recente storia italiana.

La rivoluzione dei gelsomini
0 0 0
Libri Moderni

Ben Mohamed, Takoua

La rivoluzione dei gelsomini / Takoua Ben Mohamed

[Padova] : BeccoGiallo, 2018

Abstract: A soli otto anni Takoua ha dovuto lasciare il paese in cui è nata per raggiungere il padre, rifugiato politico in Italia. Solo molto più tardi, dopo la Rivolta dei Gelsomini che abbatte la dittatura di Ben Ali, quella giovane donna cresciuta parlando con l’accento romano è potuta tornare in Tunisia per rimettere assieme i pezzi della sua storia familiare, per smascherare il funzionamento della macchina repressiva e testimoniare di come le donne – le grandi protagoniste di questa storia – ne fossero oggetto. Ed è ripercorrendo al contrario quel viaggio, che l’ha portata dalle porte del deserto del Sahara alla periferia di Roma, che conosciamo la storia di Takoua: la storia di una delle tante bambine che, nate o cresciute in Italia da genitori non italiani, molti si ostinano ancora a definire straniere. Non so se questo mio viaggio è un viaggio di andata oppure di ritorno. Non so dov’è casa mia: se nel profondo sud della Tunisia, in mezzo al deserto, o nelle strade più trafficate di Roma. Takoua Ben Mohamed

Il mondo di Aisha
0 0 0
Libri Moderni

Bertotti, Ugo

Il mondo di Aisha : storie di donne dello Yemen : ispirato dai racconti di viaggio di Agnes Montanari / Ugo Bertotti

Bologna [etc.] : Coconino Press, 2013

Progetto '900

Abstract: Costrette al matrimonio da bambine. Schiavizzate, violentate, a volte uccise. Coperte dal velo nero, le donne dello Yemen sembrano fantasmi. Eppure un passo alla volta, con dolcezza, coraggio e determinazione, stanno lottando per l'emancipazione. Una rivoluzione silenziosa. Sabiha, Hamedda, Aisha e le altre: ecco le loro storie. Uno straordinario reportage a fumetti di Ugo Bertotti, ispirato alle immagini e alle testimonianze raccolte dalla fotografa Agnes Montanari.

La strage di Bologna
0 0 0
Libri Moderni

Boschetti, Alex - Ciammitti, Anna

La strage di Bologna : cronaca a fumetti / Alex Boschetti, Anna Ciammitti ; [prefazione di Carlo Lucarelli]

Levada di Ponte di Piave : BeccoGiallo, 2006

Cronaca storica ; 3

Abstract: La ricostruzione a fumetti della più crudele strage di stato. Il 2 agosto 1980 la sala d'attesa di Bologna è dilaniata dall'esplosione di una bomba: muoiono 85 persone e altre 200 sono gravemente ferite. Cause ed eventuali mandanti non vengono identificati. Ai funerali delle vittime si scatena la protesta contro il governo, già all'impasse dopo il disastro di Ustica. Nonostante le indagini si orientino sulla loggia massonica P2 prima e sugli ambienti di estrema sinistra dopo, i mandanti dell'attentato non saranni mai individuati.

 Porto Marghera, la legge non e uguale per tutti
0 0 0
Libri Moderni

Calia, Claudio

Porto Marghera, la legge non e uguale per tutti : cronaca a fumetti / Claudio Calia

Ponte di Piave : BeccoGiallo, 2007

Cronaca storica ; 1

Abstract: Il Petrolchimico di Porto Marghera con la lavorazione tossica del CVM, il cloruro di vinile monomero, ha ucciso 157 operai di cancro ed è causa del disastro ambientale nella laguna di Venezia. Nel 1994 viene aperto un fascicolo giudiziario in base a un esposto sulle condizioni di salute di 424 operai presentato alla procura di Venezia da uno di loro, Gabriele Bortolozzo. Il sostituto procuratore Felice Casson avvia l'inchiesta sul Petrolchimico di Porto Marghera. Nel 1997, 31 dirigenti ed ex dirigenti Montedison ed Enichem vengono rinviati a giudizio. Sono accusati di strage, disastro ambientale, omicidio colposo plurimo, lesioni, omissioni di cautele sui luoghi di lavoro, avvelenamento di acque e alimenti, abbandono di rifiuti tossici e realizzazione di discariche abusive. Nel 1998 comincia il processo di primo grado al Petrolkiller. Dopo 150 udienze e più di un milione di pagine di verbali, il 2 novembre del 2001 tutti gli imputati vengono assolti. Lo Stato ottiene dalla Montedison un risarcimento record di 600 miliardi di lire. Solo nel dicembre 2004 la Corte d'Appello di Mestre condanna per omicidio colposo 5 ex dirigenti Montedison a un anno e mezzo di pena, confermata in Cassazione.

1914
0 0 0
Libri Moderni

Cossi, Paolo

1914 : io mi rifiuto! / Paolo Cossi

Milano : Hazard, 2014

Contemporanea

Il terremoto del Friuli
0 0 0
Libri Moderni

Cossi, Paolo

Il terremoto del Friuli : cronaca a fumetti / Paolo Cossi

Levada di Ponte di Piave : BeccoGiallo, 2005

Cronaca storica ; 1

Abstract: «Non ero ancora nato nel maggio del 1976. Non c'ero quando la natura è impazzita di colpo. Non c'ero quando le chiese, le case e le strade si sono confuse in una gigantesca tomba di macerie. Io ancora non c'ero, ma ho eriditato dei racconti. Dedico questo libro alla memoria di chi quella notte ci ha lasciati. E a chi, scampato alla ferocia dei crolli, ha trovato la forza di ricominciare tutto da capo». Paolo Cossi, giovane autore friulano, ricostruisce a fumetti le ultime ore prima della catastrofe.

 Unabomber
0 0 0
Libri Moderni

Cossi, Paolo - Mavric, Igor

Unabomber : romanzo a fumetti / Paolo Cossi, Igor Mavric

Ponte di Piave : Beccogiallo, 2005

Cronaca nera ; 1

Abstract: Domenica 21 agosto 1994. A Sacile è il giorno della Sagra dei Osei. Per le viuzze del borgo si snoda un serpentone di almeno cinquantamila persone. Quella domenica, a Sacile, è il giorno in cui qualcuno ha deciso di riempire un tubo metallico di esplosivo, lasciandolo a due passi dal centro. Il tubo esplode ferendo una donna. Una sequenza che si ripeterà ancora: un'occhiata curiosa, una mano che si allunga ignara, l'esplosione, il sangue. Trappole lasciate sulla strada non per uccidere, ma per ferire. Gli inquirenti non hanno uno straccio di nome, i giornali, invece, se lo inventano subito: l'uomo dei tubi diventa Unabomber. Le indagini, ancora oggi, ruotano attorno a troppi nomi e a pochi indizi. L'unica certezza è che Unabomber è ancora libero.

 In Italia sono tutti maschi
0 0 0
Libri Moderni

De Santis, Luca <1978-> - Colaone, Sara <1970- >

In Italia sono tutti maschi : [una graphic novel sul confino degli omosessuali durante il fascismo] / Luca De Santis, Sara Colaone

Bologna : Kappa, 2008

Mondo naif ;

Abstract: Dal 1938 al 1943 molti omosessuali italiani furono mandati al confino nelle isole. Quasi trecento giovani femminielli furono così sradicati dalla propria vita, bollati ufficialmente come nemici della Patria. Cinquant'anni dopo, il documentarista Rocco si mette sulle tracce dell'ex confinato Antonio, per riportare alla luce quella storia dimenticata. Due generazioni messe a confronto sulla percezione della storia, attraverso l'esperienza di un uomo che ha trascorso sette mesi della sua vita prigioniero in quanto gay. Ma le leggi sul degenerazionismo degli omosessuali furono liquidate dal Duce con la frase: In Italia sono tutti maschi, cosicché Giuseppe e gli altri vennero mandati in esilio come confinati politici.

La grande guerra
0 0 0
Libri Moderni

Di Virgilio, Alessandro - Pascutti, Davide

La grande guerra : storia di nessuno : cronaca a fumetti / Alessandro Di Virgilio, Davide Pascutti

Padova : BeccoGiallo, 2008

Cronaca storica ; 9

Abstract: La prima guerra mondiale fu la prima grande esperienza collettiva del popolo italiano. Per la prima volta, nelle trincee, si ritrovano fianco a fianco giovani che parlano dialetti diversi. Le donne a casa sono costrette ad assumersi la responsabilità delle famiglie, mentre i bambini osservano i padri e i fratelli partire per il fronte. Il racconto di un giovane fante dall'inferno della prima guerra mondiale e la storia, ambientata nei nostri giorni, del ritrovamento di un diario di guerra.

 Thyssenkrupp
0 0 0
Libri Moderni

Di Virgilio, Alessandro - De Carli, Manuel

Thyssenkrupp : morti speciali S.p.A. / Alessandro Di Virgilio, Manuel De Carli

[Levada di Ponte di Piave] : Beccogiallo, 2009

Cronaca storica ; 14

Abstract: Il 6 dicembre 2007, intorno all'una e mezzo di notte, si sviluppa un violento incendio presso la Linea 5 dell'acciaieria ThyssenKrupp di Torino. Le fiamme investono gravemente sette operai. Uno di questi muore sul colpo, gli altri sei muoiono a uno a uno nelle settimane successive. Fin da subito vengono mosse dure accuse alla multinazionale tedesca: gli operai coinvolti nell'incidente stavano lavorando da dodici ore, e secondo alcune testimonianze i sistemi di sicurezza dello stabilimento erano in condizioni precarie (gli estintori scaricbi, gli idranti malfunzionanti). Nel novembre del 2008 cinque dirigenti ThyssenKrupp vengono rinviati a giudizio con l'accusa di omicidio colposo. L'amministratore delegato dell'azienda - per la prima volta nella storia dei processi sugli incidenti sul lavoro in Italia - viene accusato di omicidio volontario.

Stalag 10 B
0 0 0
Libri Moderni

Ficarra, Marco

Stalag 10 B / Marco Ficarra

[Padova] : Beccogiallo, 2009

Cronaca storica ; 13

Abstract: L'8 settembre 1943, alia firma dell'armistizio con le forze alleate, i militari italiani sono allo sbando. 750.000 soldati vengono deportati nei campi di concentramento tedeschi come internati militari, senza essere riconosciuti prigionieri di guerra per poter essere impiegati nei campi di lavoro forzato,A partire dalla corrispondenza dal lager, Marco Ficarra ricostruisce l'odissea di suo zio Gioacchino Virga, internato militare n. 82958, dalla cattura in Grecia all'ostinato rifiuto di aderire alla Repubblica Sociale Italiana, per restituire alla storia - quella personale e quella universale - un frammento di verità estrema e disumana.

Valzer con Bashir
0 0 0
Libri Moderni

Folman, Ari - Polonsky, David

Valzer con Bashir : [una storia di guerra] / Ari Folman, David Polonsky

Milano : Rizzoli ; [Roma] : Lizard, 2009

Abstract: Beirut, 14 settembre 1982: il comandante capo delle Forze Libanesi Gemayel Bashir perde la vita in un attentato a opera di gruppi terroristi palestinesi. Due giorni dopo, i campi profughi di Sabra e Chatila vengono presi d'assalto dai più fanatici seguaci di Bashir, i falangisti cristiani, che vendicano la morte del proprio idolo trucidando centinaia di inermi palestinesi, tra cui donne, vecchi, bambini. Ari Folman è un giovanissimo soldato dell'esercito israeliano, e il suo posto è tra i cerchi concentrici di militari che circondano il luogo della carneficina. Forse i razzi che hanno illuminato a giorno la ferocia dei falangisti sono partiti anche dalla sua postazione, ma lui non sa dirlo: vent'anni dopo nella sua testa non è rimasto un solo ricordo, né della notte del massacro, né dei combattimenti che l'hanno preceduta. Sarà l'incubo ricorrente di un amico a spingerlo verso i racconti e le testimonianze dei protagonisti dell'epoca, nel doloroso tentativo di riportare in vita la memoria di quei giorni terribili. Valzer con Bashir è il resoconto profondo e sofferto - ma non per questo meno lucido - di uno dei momenti più atroci della nostra storia, il risultato di un approccio delicato, originale, alle assurdità della guerra.

 Marcinelle, storie di minatori
0 0 0
Libri Moderni

Mavric, Igor - Pascutti, Davide

Marcinelle, storie di minatori : cronaca a fumetti / Igor Mavric, Davide Pascutti

Levada di Ponte di Piave : Beccogiallo, 2006

Cronaca storica ; 5

Abstract: 8 agosto 1956: un carrello urta contro cavi elettrici e provoca un incendio in un pozzo di Bois du Cazier, presso Marcinelle, in Belgio. I morti sono 262: 136 italiani. 8 agosto 2006: Giovanni ritorna assieme alla figlia di otto anni in Belgio, dove il padre è emigrato cinquant'anni prima. L'occasione è l'anniversario della tragedia di Marcinelle. Il viaggio rinverdisce i ricordi di infazia di Giovanni, rimasti assopiti in un angolo della memoria, e fa conoscere alla piccola Alice le avventure del nonno che, come moltissimi nel dopoguerra, abbandonò l'Italia in cerca di fortuna. Igor Mavric e Davide Pascutti ricostruiscono la tragedia di Marcinelle, l'ecatombe che cinquant'anni fa ha portato in prima pagina, per la prima volta, le terribili condizioni di lavoro a cui erano sottoposti i nostri emigranti.