Davide aveva 20 anni, era di Verona dove viveva con i genitori. La sua passione era la musica: suonava la chitarra e cantava. Aveva trascorso un periodo di vacanze ad Ancona, dalla sorella Cristina. Il 2 agosto era ripartito perché la sera stessa doveva suonare con il suo complesso, il Dna group, e poi voleva riprendere a studiare. Era in stazione a Bologna in attesa di una coincidenza e stava guardando il tabellone con gli orari dei treni. Lo scoppio della bomba lo ferì molto gravemente, fu trasportato all’Ospedale Maggiore in rianimazione dove morì 2 ore dopo il ricovero.

A Davide Caprioli è intitolata la Biblioteca di Borgo Milano, dove si possono trovare molti dei libri in catalogo dedicati a quel 2 agosto di 40 anni fa, quando alle 10.25 l'orologio della Stazione di Bologna e l'Italia intera si fermarono di fronte al terrore fascista e al sangue.

A sua memoria, alla Scuola media Fedeli pochi giorni fa è stata posizionata una scultura, dono di un amico bolognese.

La bibliografia sulla strage di Bologna comprende saggi storici e giornalistici, opere di narrativa e documentari.

 

Includi: tutti i seguenti filtri
× Data 2006

Trovati 3 documenti.

Le parole nel vento
0 0 0
Libri Moderni

Tedeschi, Beatrice

Le parole nel vento : stampa e radio raccontano la strage del 2 agosto / Beatrice Tedeschi

Bologna : Minerva, 2006

Abstract: Il volume presenta un'analisi puntuale di come la tremenda notizia della strage alla Stazione centrale di Bologna del 2 agosto 1980 sia stata raccontata dai mezzi di comunicazione di massa nei momenti immediatamente successivi allo scoppio della bomba. Crea una certa suggestione rileggere e quasi risentire le parole dei giornalisti che nella concitazione delle edizioni straordinarie cercano le frasi adatte per descrivere una situazione in realtà quasi indescrivibile, utilizzando per questo termini come inferno, catastrofe, tragedia. In una società in cui i mezzi di comunicazione non erano sviluppati quanto oggi, fu la radio che permise una prima e veloce diffusione dell'informazione sul territorio nazionale. Chi era in vacanza, al mare sulla spiaggia o in montagna, ancor prima di accendere il televisore, fu raggiunto dalla notizia proprio attraverso le voci dei giornalisti dei Gr nazionali. Interessante è poi il confronto che viene fatto fra le testate giornalistiche e le reazioni politiche. Molti giornali uscirono in edizione straordinaria, altri dedicarono gran parte delle edizioni del 3 e 4 agosto alla strage, raccogliendo testimonianze, pubblicando elenchi delle vittime svolgendo in tal modo un lavoro di informazione e al tempo stesso di 'servizio'. Uno dei giornali locali più diffusi, Il Resto del Carlino, lanciò ad esempio una sottoscrizione in favore delle vittime e il fondo raccolto si rivelò determinante.

 La nera
0 0 0
Libri Moderni

Lucarelli, Carlo <1960-> - Picozzi, Massimo

La nera : storia fotografica di grandi delitti italiani dal 1946 a oggi / Carlo Lucarelli, Massimo Picozzi

Milano : Mondadori, 2006

Strade blu. Nonfiction ;

Abstract: Foto segnaletiche, istantanee di cadaveri, volti di assassini appena catturati, immagini rubate durante i dibattimenti nelle aule di giustizia. Immagini agghiaccianti, a volte commoventi, spesso indimenticabili. La cronaca nera, dalla parte di chi la segue sui giornali o sui rotocalchi, è fatta soprattutto di fotografie, alcune delle quali hanno fatto il giro del mondo e hanno trovato posto in modo definitivo nella memoria collettiva. Carlo Lucarelli e Massimo Picozzi vestono i panni degli archeologi del crimine per scrivere e comporre una storia illustrata dei casi di nera che, dal dopoguerra alla fine del secolo scorso, hanno riempito le pagine dei giornali. Lo scrittore di noir e il criminologo tornano insieme per perlustrare gli archivi fotografici dei più importanti giornali e della Polizia di Stato alla ricerca delle immagini più significative, quelle capaci di raccontare quella lunga storia fatta di sangue che va da Rina Fort, la belva di via San Gregorio, alla Contessa Bellentani, da Wilma Montesi a Milena Setter, fino a Maurizio Gucci e a Simonetta Cesaroni.

La strage di Bologna
0 0 0
Libri Moderni

Boschetti, Alex - Ciammitti, Anna

La strage di Bologna : cronaca a fumetti / Alex Boschetti, Anna Ciammitti ; [prefazione di Carlo Lucarelli]

Levada di Ponte di Piave : BeccoGiallo, 2006

Cronaca storica ; 3

Abstract: La ricostruzione a fumetti della più crudele strage di stato. Il 2 agosto 1980 la sala d'attesa di Bologna è dilaniata dall'esplosione di una bomba: muoiono 85 persone e altre 200 sono gravemente ferite. Cause ed eventuali mandanti non vengono identificati. Ai funerali delle vittime si scatena la protesta contro il governo, già all'impasse dopo il disastro di Ustica. Nonostante le indagini si orientino sulla loggia massonica P2 prima e sugli ambienti di estrema sinistra dopo, i mandanti dell'attentato non saranni mai individuati.