Pintor img001 300x293

Raccontare la guerra. Storie per bambini e ragazzi

Laggiù, dove Johnny viene mandato a combattere, può essere ovunque: immaginatelo coperto dalle sabbie del deserto, o dalla giungla tropicale; immaginatelo bruciato dal sole o flagellato dalle piogge torrenziali del monsone; immaginatelo popolato da contadini chini a lavorare in mezzo all’acqua delle risaie o alle stoppie della savana; oppure da pastori coi greggi inerpicati sul crinale delle montagne … Come vi pare: ci sarà sempre, nella realtà, un Laggiù che corrisponde a quello che avete immaginato. Purtroppo.
Tutti i diversi Laggiù che potete immaginare hanno però una caratteristica comune: sono paesi poveri, abitati da gente povera, e c’è una guerra.
(…) Le chiamano guerre dimenticate perché non se ne sa niente, due righe ogni tanto nelle pagine interne dei quotidiani. A meno che in una di queste guerre, per un qualche motivo, non sia direttamente impegnato un paese importante, cioè ricco, e allora questa guerra avrà l’onore della prima serata TV e allora di questa guerra –apparentemente – sapremo tutto.

(F. D’Adamo, Johnny il Seminatore, Fabbri 2005)
 
Includi: tutti i seguenti filtri
× Nomi Guicciardini, Desideria

Trovati 2 documenti.

La banda della rosa
4 0 0
Libri Moderni

Buongiorno, Teresa

La banda della rosa / Teresa Buongiorno ; illustrazioni di Desideria Guicciardini ; postfazione di Luciano Tas

Casale Monferrato : Piemme junior, 2008

Il battello a vapore. Serie arancio ; 104

Abstract: Sono gli anni dell'immediato dopoguerra, delle bombe su Hiroshima e Nagasaki, del referendum tra monarchia e repubblica, a cui partecipano anche le donne, per la prima volta al voto in Italia. A Roma Isotta, la protagonista narratrice, decide di dare vita con le sue compagne a una banda di ragazze. La banda della ROSA, all'insegna del Resteremo Ovunque Sempre Amiche. Dopo le prime bambinate, la banda si impegna via via in operazioni più serie, rivendicando i propri diritti e la parità con i maschi. Ma quando l'Italia festeggia la Costituzione, Isotta capisce che questa è la vera rivoluzione... Età di lettura: da 9 anni.

 Siamo in guerra e nessuno me lo dice
0 0 0
Libri Moderni

Levi, Lia <1931- >

Siamo in guerra e nessuno me lo dice / Lia Levi ; disegni di Desideria Gucciardini

Milano : Mondadori, 2010

I sassolini a colori. Per il primo anno di raccordo della scuola primaria ; 35

Abstract: Rifugio, ma cosa vuol dire? Nessuno può spiegarlo: mamma e papà sono partiti alla ricerca della località dove trascorrere l'imminente villeggiatura, Mariuccia, la donna di servizio con cui sono rimaste le bambine, non ha la minima cognizione di che cosa può accadere per le strade del mondo, e Mussolini parla alla radio con paroloni così difficili che non si capisce un bel niente. Insomma, scoppia la guerra e nessuno sa cosa vuol dire la parola rifugio! Ma sui cieli di Torino si avvicinano gli aerei nemici. Età di lettura: da 6 anni.