Avviso

Zona rossa

Per effetto del DL 12 marzo 2021, dal 15 marzo al 6 aprile 2021 in Biblioteca Civica sono sospesi i servizi di consultazione dei materiali non prestabili e l'accesso alle sale studio. Resta attivo in tutte le biblioteche il prestito su prenotazione. Le prenotazioni, al massimo tre, possono...

Avviso

Problemi con i download di ebook

Attenzione! Abbiamo riscontrato problemi con il download degli ebook. Sembra che i problemi si verifichino, per chi usa come browser Google Chrome, dopo l'ultimo aggiornamento. Vi consigliamo di non usare Google Chrome per scaricare gli ebook. Potere usare...

 

 

 

 

 

 

 

Storie incatenate

Un libro alla settimana

Agota Kristof, "Trilogia della città di K."

Quando il narratore è inaffidabile, resta una sola cosa da fare, la più improbabile: fidarsi. Kristof realizza un racconto-matrioska perfetto, nessuno specchio a deformare la realtà, nessuna menzogna. La verità di ogni personaggio è così precisa e luminosa che non ammette ombre. Ma quanto abbaglia la luce pura negli occhi. In un paese in guerra, i gemelli Klaus e Lucas dovranno scegliere il proprio destino mentre il mondo cade sotto macerie di responsabilità che nessuno si è mai assunto.

In catalogo: Agota Kristof, "Trilogia della città di K.: Il grande quaderno; La prova; La terza menzogna", Torino: Einaudi, 1998.

In rete:

 

← Leggi le precedenti recensioni

    

 

Vedi tutti

Notizie dalle biblioteche

Vedi tutti

Ultimi post

R: Oh, Boy! - Marie-Aude Murail

“Siméon ha il morale a terra. Sta a lei tenerlo su. Bisogna crederci. Bisogna crederci. È la sola soluzione.”
“Oh, Boy!” è un romanzo di narrativa che racconta la storia di 3 fratelli: Siméon, 14 anni, Morgane, 8 anni, e Venise, 5 anni, rimasti orfani dopo la scomparsa del padre e il suicidio della madre. Prima di essere portati all’orfanotrofio, i Morlevent fanno un giuramento di non dividersi mai e rimanere per sempre insieme. L’assistente sociale, nel mentre, riesce a trovare i fratellastri maggiori, nati da un precedente matrimonio del padre: Mosiane, oculista di 37 anni sposata, e Barthélemy, un ragazzo omosessuale di 26 anni. Se in un primo tempo entrambi sembrano ben poco interessati all’affidamento dei ragazzi, presto inizierà una contesa fra i due per riuscire ad ottenere la custodia.
È un romanzo per ragazzi semplice e scorrevole, che tratta principalmente i temi del legame familiare, in particolare tra fratelli, dell’omosessualità e delle famiglie allargate, e quello della malattia, che si presenterà più avanti nel corso della storia, con un pizzico di ironia, ma riuscendo a trasmettere comunque valori importanti, anche e soprattutto dal punto di vista dei ragazzi protagonisti.
È un libro che consiglio a lettori giovani ma non solo, a coloro che desiderano immergersi in una lettura non particolarmente impegnativa, ma ugualmente significativa nei contenuti.

Elena Marcolini
3ALI liceo Copernico
"Leggere on the road"- Progetto PCTO Biblioteca Ragazzi-aprile 2021

Io come te - Paola Capriolo

“-Dormire? Che idea cretina. Andiamo a chiudere in bellezza la serata.
Luca non capisce cosa vuol dire, ma non osa fare domande.
Sarebbe bastato afferrare per il braccio quel ragazzo, quando aveva tirato fuori la bottiglietta di benzina e dirgli: «Fermo! Che fai?» guardandolo dritto negli occhi.
-Lascia perdere quella gente: è troppo diversa.
-No, non posso lasciarla perdere.”
Luca si ritrova alla serata di Halloween in discoteca da solo, ma tutto cambia quando quattro ragazzi ubriachi gli chiedono di andare al parco per finire la serata in bellezza. Luca accetta ma si ritrova spaesato quando li vede avvicinarsi con dei fiammiferi e una bottiglia di benzina ad un uomo che dormiva sulla panchina. Non sapendo cosa fare, scappa e torna a casa sconvolto. Il giorno dopo cerca delle notizie al riguardo su Internet e scopre che è ricoverato in ospedale in stato di shock. Decide quindi di andarlo a trovare e lo fa tutti i giorni finché, al quinto giorno, l’uomo si sveglia. Parlandoci scopre che si chiama Rajiva Bava ed è cingalese. È dovuto venire in Italia perché al suo paese di origine non riusciva a fare abbastanza soldi per mantenere sua moglie e i suoi due figli, quindi ora vende rose e manda il ricavato alla sua famiglia. Ora che è immobilizzato a letto però, Luca decide di vendere le rose al posto suo travestendosi da cingalese senzatetto, armato di fondotinta scuro, dei vestiti trasandati e un cestino di rose. La mattina è un ragazzo italiano che va a scuola e si sente fortunato, la sera è un immigrato cingalese che tutti guardano con disprezzo e paura.
Un breve romanzo che tratta bene e in modo molto semplice l’argomento del razzismo.

Arianna Magrella
3CLI, liceo Copernico
“Leggere on the road” - Progetto PCTO con la Biblioteca Ragazzi, aprile 2021

R: Non perdermi non perderti - Luisa Mattia, Luigi Ballerini

“Io non chiedo scusa. A nessuno. Io non chiedo scusa. Io sono Falco.
Eppure qualcosa lo trasformerà.”
Federico è uno di quei ragazzi popolari della scuola a cui non interessa molto degli altri e che pensa solamente a se stesso. Un giorno conosce una ragazza, Lavinia, e insiste per avere delle sue foto intime. Una volta ottenute, le invia immediatamente ai suoi amici e queste fanno il giro di tutta la scuola. Lavinia quindi, disperata, tenta il suicidio e Federico capisce che le azioni hanno delle conseguenze, infatti viene escluso dal suo gruppo di amici e la sua famiglia, estremamente delusa, non riesce nemmeno a parlargli. Federico si sente sempre peggio, e i suoi genitori di certo non lo aiutano dicendogli continuamente di essere come suo fratello maggiore, Massimo.
A causa di un accordo con il giudice per servizi socialmente utili, però, è costretto a passare sei mesi a Villa Serena per offrire assistenza ad un ospite anziano. L’ospite in questione, Vittorio, e Viola, la sua assistente, lo aiuteranno a diventare la versione migliore di se stesso e a scoprire l’amicizia, l’amore, la bellezza della poesia e dell’altruismo.
Un bellissimo romanzo capace di coinvolgerti e farti emozionare.

Arianna Magrella
3CLI, liceo Copernico
“Leggere on the road” - Progetto PCTO con la Biblioteca Ragazzi, aprile 2021

Cercando l'onda - Christopher Vick

“Le loro grida entusiaste riecheggiavano per la scogliera. E io ho capito. L’ho capito fin da quel momento. Dava un'idea di libertà. [...] E quel posto era parte della vibrazione che sentivo: la baia nascosta, quella ragazza, il surf e il sole che si gettava nel mare. Tutte quelle cose insieme erano qualcosa di bello.”
“Cercando l’onda” di Christopher Vilk è un libro molto interessante e coinvolgente. Racconta la storia di un ragazzo di 15 anni che si ritrova da un giorno all'altro con la vita completamente stravolta. Sam è un ragazzo inglese che si sposta dalla sua Londra per tornare in Cornovaglia, luogo in cui aveva perso il padre. Fa la conoscenza della sua vicina di cottage Jade che lo porterà ad affrontare nuove esperienze e lo avvicinerà al mondo del surf. Questo sport diventa la sua passione, la sua ragione di vita, ma diventa soprattutto un modo per stare più vicino a Jade. Il sogno di Jade è quello di surfare sulle onde delle Corna del Diavolo e Sam per far felice la bella Jade farà di tutto per far avverare il sogno quasi irrealizzabile della ragazza.
Questo libro è adatto per i ragazzi dai 13/14 anni in su, la lettura risulta molto scorrevole e per nulla complessa.
Elisa Ferrari
Liceo Copernico classe 4°
“Leggere on the road”- progetto PCTO biblioteca ragazzi- Aprile 2021

Il silenzio dell'acqua - Louise O'Neill

“Grazie, papà” ripeto le battute che mi hanno insegnato da quando sono nata. ”Grazie per avermi conferito questo dono. Sono fortunata ad avere il tuo stesso sale nelle vene” “Non c’è di che” risponde baciandomi la fronte “l’amore di un padre per una figlia non conferisce confini. E questo è tutto quello di cui una figlia ha bisogno, non sei d’accordo?” “Si papà. Tutto ciò di cui ogni figlia ha bisogno è l’amore di suo padre”(…)Il romanzo fantasy di Louise O’Nell , da cui ho riportato la citazione, racconta una storia oramai conosciuta da molti, ma in chiave riflessiva e molto più cruenta. La storia originale è quella della Sirenetta, che in questo libro si chiama Gaia e deve vivere insieme alle sue sorelle nelle grinfie del padre nonché il Re del Mare. La trama segue quella della nota storia di fantasia, in cui la protagonista sale in superficie guidata da una inarrestabile curiosità , a concessione del severissimo padre, e incontra un uomo di cui si innamora: Oliver. La giovane sirena si affeziona al giovane e decide di voler attraversare qualsiasi ostacolo a costo di poter diventare umana e passare la vita con lui . Per questo motivo si reca dalla Strega del Mare che in cambio di un paio di semplici (ma dolorosissime) gambe, le taglia la lingua privandola della capacità di parlare. Contenta di scappare nel mondo umano Gaia alloggia a palazzo con Oliver, ma si rende conto che la vita in superficie non è tanto piacevole rispetto a come la immaginava .Nemmeno il regno marino in cui era cresciuta aveva una situazione tanto rosea, tanto che l’autrice sottolinea diverse volte nel corso del libro, le diverse violenze psicologiche a cui sono costrette ogni giorno le sirene all’interno del regno. Attraverso una serie di vicende grazie alle quali Gaia affronta la cattiveria della crudele società maschilista sia del mondo marino che quello in superficie , l’autrice ci da modo di riflettere sulla tematica patriarcale. Questa riscrittura di una storia così conosciuta ma sottovalutata, mi ha dato modo di prendere in considerazione molto la tematica della società patriarcale andando contro ogni mia aspettativa. La lettura è abbastanza semplice e scorrevole, tranne che in alcuni capitoli molto descrittivi. Consiglio questo libro a ragazzi dai 14 anni in poi ,che abbiano interesse a scardinare tutti i pregiudizi su storie “banali” come quella della Sirenetta.
Marta Soave
IV Copernico-Pasoli, Leggere on the road"- Progetto PCTO Biblioteca Ragazzi, Aprile 2021

Prestiti in corso 0
Prestiti di oggi 0
Utenti iscritti 0